Il nostro Statuto

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DELLA SARDEGNA

 

STATUTO

1.      ISTITUZIONE

1.1.  E’ istituito il Forum delle associazioni familiari della Sardegna, quale comitato di coordinamento di associazioni, movimenti e altre realtà che svolgono attività di promozione e sostegno della famiglia, d’ora innanzi definito “Forum della Sardegna”;

1.2.  Il Forum della Sardegna opera per il raggiungimento delle finalità di cui all’art. 2, nel rispetto delle identità e dell’autonomia degli organismi aderenti, valorizzandone la specificità;

1.3.  Il Forum della Sardegna è apartitico e non persegue fini di lucro;

1.4.  Il Forum della Sardegna aderisce al Forum nazionale delle associazioni familiari, di cui condivide finalità, obiettivi e norme statutarie;

1.5.  La sede legale del Forum è in Cagliari e può essere trasferita con delibera dell’Assemblea Regionale;

1.6.  Il Forum aderisce al Forum Nazionale delle Associazioni Familiari del quale sottoscrive il Patto Associativo e lo Statuto;

1.7.  La durata del Forum è illimitata, salvo altra determinazione assunta dall’Assemblea.

2.      FINALITA’

2.1    Il Forum della Sardegna ha le seguenti finalità:

a)    La promozione e la salvaguardia dei valori e dei diritti della famiglia come “società naturale fondata sul matrimonio” (Art. 29, 30, 31 Cost.), distinguendola da ciò che non è famiglia;

b)    La promozione e la partecipazione attiva e responsabile della famiglia alla vita culturale, sociale e politica, alle iniziative di promozione umana e dei servizi alla persona specie attraverso le loro forme associative;

c)    La promozione di adeguate politiche familiari che tutelino e sostengano le funzioni della famiglia e i suoi diritti, ispirandosi ai principi indicati nella “Carta dei diritti della famiglia” emanata dal Pontificio consiglio per la famiglia nel 1983 che costituisce parte integrante del presente Statuto.

3.      OBIETTIVI E ATTIVITÀ

3.1 A tal fine il Forum della Sardegna promuove e coordina le azioni di comune interesse degli organismi aderenti, secondo le decisioni assunte dall’Assemblea generale.

3.2 Per raggiungere tali obiettivi, il Forum della Sardegna svolge le seguenti attività:

a)    Interloquisce con le istituzioni locali e regionali in materia di politica familiare, con propria rappresentanza. Interloquisce inoltre con le istituzioni nazionali e sovranazionali coordinandosi con il Forum nazionale delle associazioni familiari secondo il principio di sussidiarietà;

b)    Coopera con organismi locali, regionali, nazionali aventi finalità analoghe, con particolare riferimento al Forum Nazionale delle Famiglie;

c)    Denuncia situazioni e azioni inadeguate e/o contrarie agli interessi e alle aspirazioni delle famiglie;

d)    Assume iniziative di intervento culturale, azione sociale e proposta politica a promozione e tutela della famiglia secondo tutti i suoi aspetti e le sue necessità;

e)    può pubblicare periodici, svolgere ricerche e studi sulla trasformazione della società ed altre attività di formazione dei soggetti familiari;

f)       nel rispetto del principio di sussidiarietà, eroga servizi a favore delle Associazioni ed Organismi aderenti, al fine del miglior raggiungimento delle finalità di cui all’art. 2 del presente Statuto;

g)    assume ogni tipo di iniziativa considerata valida ed efficace per il perseguimento dei fini statutari.

4.      ADESIONE E PERDITA DELLA QUALITA’ DI SOCIO

4.1 Possono aderire al Forum della Sardegna quali soci Associazioni, Movimenti e altre realtà  che condividano pienamente ispirazione, finalità e obiettivi del Forum della Sardegna e che dimostrino attraverso il loro statuto o le loro attività un concreto impegno per la famiglia e la promozione dei suoi diritti;

4.2 Aderiscono al Forum della Sardegna quali soci pure i Forum delle associazioni familiari costituiti in ogni Provincia della Regione Sardegna, che condividano le finalità, gli obiettivi e le norme statutarie del Forum regionale. Può aderire un solo Forum provinciale per provincia;

4.3 Possono aderire al Forum come osservatori, partecipando alle assemblee senza diritto di voto e di elettorato attivo e passivo, le associazioni, i movimenti e le altre realtà che, pur rispondendo alle caratteristiche del punto 4.1 non possano per motivi propri aderire come soci;

4.4 L’adesione al Forum potrà avvenire presentando apposita domanda. Competente a deliberare in ordine all’ammissione o non ammissione dei nuovi soci è il Consiglio Direttivo che, a sua volta, sottoporrà a sucessiva ratifica all’Assemblea Generale in occasione della prima convocazione utile.

4.5 La qualifica di socio si perde:

a) per dimissioni volontarie presentate al Consiglio Direttivo;

b) per morosità: provvedimento deliberato dall’Assemblea Regionale, su proposta del Consiglio Direttivo, nei confronti del socio che non abbia provveduto al pagamento della quota associativa per due annualità consecutive;

c) per espulsione: provvedimento deliberato dall’Assemblea Regionale, su proposta del Consiglio Direttivo, nei confronti del socio che abbia agito in modo tale da ostacolare il buon andamento del Forum o, comunque, in contrasto con le finalità del Forum.

5.      STRUTTURA

5.1 Organi del Forum della Sardegna sono:

a)    L’Assemblea generale

b)    Il Consiglio Direttivo

c)    Il Presidente

d)    Il Vice Presidente

e)    Il Segretario

f)       Il Tesoriere

g)    il Revisore

5.2 Tutte le cariche elettive hanno durata triennale e non sono rinnovabili per più di due mandati consecutivi.

6.      ASSEMBLEA GENERALE

6.1 L’Assemblea generale è costituita dai Presidenti o Responsabili di ogni organismo aderente o dai loro delegati

6.2 L’Assemblea generale:

a)    Stabilisce le linee programmatiche generali del  Forum della Sardegna

b)    Indica al Consiglio direttivo attività specifiche del  Forum della Sardegna

c)    Approva la relazione del Presidente sull’attività svolta e i bilanci preventivo e consuntivo

d)    Elegge a scrutinio segreto il Consiglio direttivo, il Presidente e il Revisore

6.3 L’Assemblea generale si riunisce almeno due volte l’anno su convocazione del Presidente e con ordine del giorno stabilito dal Consiglio direttivo. Può essere convocata anche su richiesta di un terzo degli aderenti. Quando si riunisce sceglie al suo interno un Segretario con il compito di verbalizzare i contenuti della riunione e le decisioni assunte.

6.4 L’Assemblea generale delibera con la maggioranza semplice dei presenti, ricercando sempre la più ampia convergenza tra gli organismi aderenti.

6.5 Uno o più organismi aderenti possono astenersi dal collaborare all’attuazione di un’iniziativa decisa dall’Assemblea generale.

7.      IL CONSIGLIO DIRETTIVO

7.1 Il Consiglio direttivo è costituito da quattro membri eletti dall’Assemblea generale oltre al Presidente. E’ validamente costituito con la presenza della metà dei consiglieri.

7.2 Il Consiglio direttivo elegge tra i suoi membri un Vice-presidente, un Segretario e un Tesoriere.

7.3 Il Consiglio direttivo,

a)    Coadiuva lo svolgimento dei compiti del Presidente;

b)    Stabilisce le deleghe per ambito di intervento da attribuire a ciascun consigliere;

c)    Attua le delibere dell’Assemblea generale;

d)    Delibera, organizza, coordina e promuove le attività specifiche del Forum della Sardegna in costante comunicazione con gli organismi aderenti;

e)    Delibera sulle domande di adesione;

f)       Esprime parere consultivo al Presidente sui provvedimenti di urgenza;

g)    Predispone per mezzo del Consigliere Tesoriere i bilanci preventivi e consuntivi, curando l’aspetto finanziario delle iniziative approvate.

7.4 Il Consiglio direttivo si riunisce almeno quattro volte all’anno su convocazione del Presidente o di almeno due Consiglieri.

8.      IL PRESIDENTE

8.1  Il Presidente è eletto dall’Assemblea generale

8.2 Il Presidente

a)    Ha la rappresentanza del Forum della Sardegna nei confronti di terzi e in giudizio

b)    Coordina l’attività del Forum della Sardegna in costante comunicazione con gli organismi aderenti

c)    Sottoscrive gli atti del  Forum della Sardegna

d)    Convoca l’Assemblea generale

e)    Assume i provvedimenti di urgenza da sottoporre il prima possibile a ratifica dell’Assemblea generale o del Consiglio Direttivo secondo la competenza

f)       Può delegare per singoli atti e a tempo determinato i suoi poteri al Vice Presidente

8.3 La carica di Presidente è incompatibile con:

a)    Incarichi politici e cariche pubbliche elettive

b)    La candidatura ad incarichi politici e a cariche pubbliche elettive

9.      IL REVISORE

a) Il Revisore ha funzioni di garanzia e di controllo amministrativo

b) Deve riferire all’Assemblea Regionale, con parere motivato, sul bilancio consuntivo;

c) Il Revisore può assistere ai lavori dell’Assemblea Regionale e, su invito, ai lavori del Consiglio Direttivo.

10. IL CONSULENTE DELEGATO DELLA CES E I CONSULENTI

10.1  Al fine di favorire la comunione con la gerarchia della Chiesa cattolica, ai lavori dell’Assemblea generale e del Consiglio direttivo ha diritto a partecipare – in qualità di consulente senza diritto di voto – il Delegato indicato dalla Conferenza Episcopale Sarda.

10.2 Per il perseguimento dei propri obbiettivi, l’Assemblea generale e il Consiglio direttivo possono  invitare ai loro lavori altri esperti in qualità di consulenti senza diritto di voto.

11.  FINANZIAMENTO

11.1 Il Forum della Sardegna trae i propri mezzi finanziari

a)    Dalle quote associative degli organismi aderenti

b)    Dai finanziamenti di enti pubblici e privati

c)    Da contributi e dalle donazioni volontarie

d)    Da proventi di altra natura

11.2 Al Forum è vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione comunque denominati, nonché fondi di riserve o capitale durante la vita del Forum stesso, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge. Il Forum ha obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali statutariamente previste.

11.3 L’esercizio sociale si chiude il 31 dicembre di ogni anno. Entro il 31 marzo di ciascun anno il Consiglio direttivo è convocato per la predisposizione del bilancio consuntivo dell’esercizio precedente e del bilancio preventivo per l’esercizio in corso da sottoporre all’Assemblea che delibera con le maggioranze previste. I bilanci devono restare depositati presso la sede dell’Associazione nei 15 (quindici) giorni che precedono l’Assemblea convocata per la loro approvazione a disposizione di tutti coloro che abbiano motivato interesse alla loro lettura.

12. SCIOGLIMENTO

12.1 L’eventuale scioglimento del Forum della Sardegna è deliberato dall’Assemblea generale;

12.2 Il patrimonio residuo è devoluto in tal caso ad altro ente avente finalità analoghe, indicato dall’Assemblea generale;

12.3 E’ fatto divieto di riparto delle eventuali attività tra i soci.

13.  NORME TRANSITORIE

13.1 Per quanto non previsto dal presente Statuto, si farà riferimento alle norme in materia ovvero all’apposito Regolamento che l’Assemblea generale provvederà a approvare.

Annunci
Commenti disabilitati su Il nostro Statuto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: