Comunicato stampa

Cagliari, 29/09/2010

Lunedì 27 settembre, presso la sede della Coldiretti, a Cagliari, si è ricostituito il Forum delle Associazioni Familiari della Sardegna, che aderisce al Forum nazionale. In occasione dell’assemblea è stato approvato il nuovo Statuto del Forum e rinnovati gli Organi rappresentativi.
Il nuovo Presidente è Carlo Pisano, direttore scolastico, delegato per la Provincia di Cagliari dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose. Del Direttivo entrano a far parte anche Gaetano Pala della Coldiretti, Roberto Vargiu dell’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, Luisanna Loddo in rappresentanza dell’Associazione Bambini Cerebrolesi e Antonello Macciocu del Forum Provinciale di Sassari.
Il Presidente ha ringraziato le associazioni presenti auspicando di poter ricambiare la fiducia accordatagli, che è espressione dell’Associazionismo Familiare Sardo, col personale impegno a dare voce a tutti, specialmente agli ultimi, cioè a quelle famiglie sulle quali gravano insormontabili difficoltà di carattere economico e/o sociale. Ha ricordato inoltre che l’impegno pratico del Forum deve trarre ispirazione dai grandi ideali per poter incidere efficacemente sulle questioni più importanti in chiave sociale: aiutare la Famiglia a svolgere il suo ruolo naturale, cioè essere laboratorio di Amore reciproco tra i coniugi, di trasmissione di vita e di valori condivisi ai figli e alle generazioni future.
In questi giorni, ha aggiunto il neo eletto presidente, assistiamo impotenti al comportamento poco edificante dei politici, che rendono inconcludente e vano il mandato loro affidato dai cittadini. È urgente mettere, come priorità dell’azione politica, la famiglia come soggetto primario di diritti. Ogni politica che vuole porre al centro “la persona” non può prescindere dal contesto originario della convivenza sociale cioè la famiglia, che è naturalmente preposta a svolgere la funzione di prima cellula sociale, di primo mattone nell’edificazione della convivenza civile.
L’Italia è relegata agli ultimi posti nell’Unione Europea in fatto di politiche familiari. Queste devono promuovere e sostenere la famiglia riconoscendola come il vero capitale sociale da cui dipende la bontà della vita presente e la possibilità di una dignitosa vita futura. Altrimenti lasceremo alle future generazioni una rete di relazioni sempre più fragile, e una sempre minore capacità di reciproca accoglienza.
Il momento che viviamo nel nostro Paese è molto critico e tanto più la società civile chiede con urgenza di porre al centro dell’attenzione la famiglia da intendersi non tanto come oggetto di politica assistenziale, ma come soggetto promotore e interlocutore diretto con le istituzioni politiche.

Annunci
Pubblicato su Associazioni del Forum, Documenti. Tag: . Commenti disabilitati su Comunicato stampa